Press

Dicembre 2016

Grand Chef Experience a Villa Igiea di Palermo

L’ ”intender nol può chi nol pruova”. Prendo a prestito da Dante uno dei più celebri versi della sua nota opera per sintetizzare l’esperienza del 16 dicembre scorso presso il Grand Hotel Villa Igiea di Palermo MGallery by Sofitel. Ed infatti, solo dopo aver sperimentato l’interessante connubio tra mediterraneità della proposta gastronomica e lo stile della Vranken-Pommery, si comprende lo spirito e s’interpreta al meglio il carattere di una tavola, di uno chef, di una maison.

Una serata piacevolmente trascorsa, allietati dalle cucine di Pietro D’Agostino (Ristorante la Capinera di Taormina Mare, una stella Michelin), Carmelo Trentacosti (executive chef dell’Hotel e del ristorante interno Cuvée du Jour) e Allan Castellote (Ristorante Le Senso di Beauvais, Francia) e dagli champagne della Vranken-Pommery.

A catturare l’ospite è, di certo, la finalità dell’iniziativa ideata da MGallery by Sofitel (collezione di boutique hotel del Gruppo AccorHotel) e JRE – Jeunes Restaurateurs d’Europe (l’associazione che riunisce i talenti dell’alta gastronomia italiana e internazionale), in collaborazione con Vranken-Pommery, con l’obiettivo di dare l’opportunità di trovare l’inconsueto della buona consuetudine della ristorazione italiana con sapienti incursioni francesi. E così, il 16 dicembre, gli ospiti si sono visti accogliere in un raffinato ambiente d’antan, coccolati dall’eleganza assoluta del locale, ammaliati dai profumi promanati dai piatti, irradiati dal fine perlage dei calici della nota Maison.

Un’esperienza di assoluto valore, non solo per il livello qualitativo del menu a 6 mani e dei calici in abbinamento, ma anche – e soprattutto – per la finalità dell’evento.

Leggi l’articolo completo su: http://corrieredelvino.it/gastroviaggiando/grand-chef-experience-a-villa-igiea-di-palermo-1

Share